Guida alla analisi della performance in Football Manager

Negli sport americani, come basket, football o baseball hanno da diverso tempo preso campo metodi statistici di valutazione di squadre e giocatori, che permettono di analizzare approfonditamente i più disparati aspetti dello sport e dei loro interpreti. Come in ogni mercato, quando c’è una domanda, questa va soddisfatta proponendo un’offerta e così si è creata una nuova figura professionale: il performance analyst. Questi esperti di statistica, sono contesi a suon di ricchi contratti dalle franchigie professionistiche americane ed hanno rivoluzionato il modo di leggere e valutare le prestazioni degli atleti.

Anche il calcio si è aperto col tempo a questa tipologia di analisi e sono proliferati i siti internet specializzati in analisi e statistiche approfondite delle maggiori competizioni calcistiche a livello mondiale. Siti come Squawka, whoscored.com e fourfourtwo, presentano archivi dettagliati costantemente aggiornati, rendendo disponibile al grande pubblico diversi dati che altrimenti sarebbe impossibile reperire, con vantaggi non indifferenti per addetti ai lavori ma anche semplici appassionati.

In Football Manager, spesso ci si ferma alle statistiche delle partite, quali tiri e possesso palla, mentre si valutano i giocatori tramite media voto, gol e assist. Ma anche FM permette di approfondire l’analisi tramite una vasta gamma di statistiche, utilissime per capire nel dettaglio quanto un giocatore renda veramente.

Analisi

Questo consente anche a noi di calarci nei panni del performance analyst e sviscerare le prestazioni dei nostri uomini in campo. Per fare ciò dobbiamo avere chiaro in mente cosa chiediamo ad ogni pedina del nostro 11 titolare.

Prenderò in esame le statistiche della mia prima stagione con il Watford, per fare un esempio di quanto possano aiutarci a evidenziare pregi e difetti delle nostre tattiche, oltre che a capire meglio di quale tipologia di giocatore necessitiamo.

Il modulo principale che ho usato è un 3-4-3.

3-4-3
3-4-3

Le caratteristiche principali del modulo sono un gioco paziente di possesso palla, un buon livello di pressing, la difesa altissima con il fuorigioco e le fasce come punto di forza. Inoltre, la fluidità deve far sì che il 3-4-3 sia solo lo schieramento sulla carta, permettendo di schierare una difesa a 5 in fase di non possesso, ma anche un 3-2-5 in fase offensiva. Già da questi tratti caratteristici possiamo farci un’idea di quello che richiedere ad ogni reparto, ma sono poi i ruoli a codificare i singoli compiti in campo. Il modulo ha dato ottimi risultati sul campo, ma chi è stato più decisivo e chi invece ha reso al di sotto delle aspettative? Prima di tutto sono partito da un riepilogo globale della rosa, dopodiché ho cercato di dare delle risposte alla mia domanda grazie a visualizzazioni personalizzate ad hoc per ogni reparto.

Seppur non avessi gerarchie precise, ho riepilogato in questo schema i ruoli in cui sono stati impiegati principalmente i giocatori con più presenze.

gerarchie

Statistiche della rosa
Statistiche della rosa

Il mio portiere titolare Bond è risultato il più presente, come spesso succede. Deeney è stato il capocannoniere stagionale con 32 reti segnate, mentre Vydra è quello che ha servito più assist nell’arco della stagione, 16. Ighalo è risultato il più volte migliore in campo, con 8 premi vinti frutto di più partite con marcature multiple dl nigeriano. Danilo Cataldi è il miglior tackler della rosa, con 8.52 contrasti vinti a partita, mentre Thauvin effettua circa 5 dribbling per partita, oltre a essere il miglior nella media voto stagionale.

Portieri
Portieri

L’analisi per quanto riguarda i portieri è abbastanza semplice. Come si può vedere non c’è stato un rendimento particolarmente migliore di un portiere rispetto ad un altro. Però si può notare come Bond abbia effettuato più prese rispetto alle respinte di pugno, dato capovolto rispetto a Gomes. Può dipendere dal minor numero di partite giocate dal portiere brasiliano, ma ha comunque una spiegazione: Bond ha un valore in Resp. di pugno di 11, mentre Gomes di 15: quest’ultimo ha quindi una maggiore predilezione a respingere i palloni alti e le statistiche lo dimostrano. Bond ha anche effettuato 3 passaggi chiave, in quanto il ruolo di Portiere libero, richiede anche di rilanciare l’azione quando necessario, seppur sia istruito a giocare il pallone verso i difensori.

Difensori Centrali
Difensori Centrali

dc

Nella difesa a 3, dopo le partenze di Angella e Ekstrand a gennaio si sono alternati in sei. Ai tre dietro è richiesta la qualità tecnica necessaria per supportare i due centrocampisti centrali e far ripartire l’azione da dietro, specialmente al centrale dei tre che deve impostare. Mi aspetto anche che il centrale sia abile nel gioco aereo, visto che nella sua zona di competenza dovrebbero arrivare più palloni alti rispetto a quelli che dovranno fronteggiare i compagni. Valiente è stato schierato come centrale dei tre, così come Masi (che comunque giocava anche sulla sinistra). Vezo e Thelander si sono disimpegnati sul centrodestra, Hoban sul centrosinistra, mentre Cathcart ha fatto il tappabuchi in situazioni di emergenza.

Tranne Thelander e Cathcart hanno tutti i difensori una percentuale di passaggi completati sopra il 75%. Tralasciando Cathcart, il motivo della lacuna di Thelander è presto spiegato: il danese ha un valore in passaggi di 10 e in visione di gioco di 6, che lo rendono il peggiore del pacchetto arretrato per quanto riguarda le qualità relative ai passaggi. Evidentemente la mossa preferita “fa passaggi corti e semplici” non riesce a compensare al meglio queste sue lacune. Vezo è il migliore in percentuale, mentre Masi e Valiente hanno un’ottima percentuale seppur prevedibilmente minore, in quanto sono invitati a cercare passaggi difficili che la in parte la riducono.Tutti (escluso Cathcart) hanno più o meno lo stesso numero di contrasti a partita, superiore a 5, con i due centrali Valiente e Masi che hanno il dato più alto come d’altra parte era lecito attendersi.

Masi e Valiente hanno la stessa percentuale di duelli aerei vinti, ma l’italiano, dato questo curioso ne vince quasi 2 in più a partita, forse perché impiegato in un numero minore di partite che ne hanno influenzato la media.

Il confronto interessante è fra i due centrali destri: hanno la stessa identica percentuale di contrasti vinti, ben il 90%; Thelander vince il 20% dei duelli aerei in più rispetto a Vezo, che si concretizzano in circa 3 duelli aerei vinti in più ad ogni partita. Quindi Thelander è più bravo nel gioco aereo ma Vezo sbaglia meno passaggi: i due difficilmente hanno giocato insieme e quindi ci viene un soccorso un altro dato, i gol subiti dalla squadra ogni 90 minuti. Per Vezo sono 0,84, per Thelander 1,02: seppur sia necessario un maggior numero di partite per dirlo con più certezza, pare che le caratteristiche di Vezo aumentino l’efficienza della difesa.

L’ultimo dato rimasto è quello della media voto. Tutti e sei si sono dimostrati molto costanti, con una media voto superiore al 7 nell’arco della stagione. Il miglior per media voto è Masi, poiché  è riuscito a segnare 4 reti in 16 partite, che hanno contribuito ad impennarne la media.

Riepilogo:

  • il centrale dei tre deve essere il migliore di testa ed il più abile con i piedi, come richiesto da ruolo di Difensore che imposta
  • non ne ho la certezza, ma dai dati a disposizione per i difensori destro e sinistro, sono più importanti i passaggi completati che i contrasti aerei vinti nell’economia delle reti subite
  • seppur poco impiegato Cathcart non si è dimostrato all’altezza dei compagni di reparto, soprattutto per quanto riguarda il numero di contrasti completati e non a caso è già stato ceduto
  • Masi è nettamente il più pericoloso sui calci piazzati, quindi può diventare uno dei nostri punti di forza
Terzini fluidificanti
Terzini fluidificanti

Fluidificanti
I miei fluidificanti hanno un compito abbastanza gravoso in quanto devono svolgere sia compiti da terzini, sia da ali pure. Per questo mi aspettavo che difficilmente eccellessero in entrambi le fasi. Importante ricorda che l’esterno sinistro è un Esterno completo – attaccare (Layun e Garbutt), mentre il destro è un Terzino fluidificante – supportare (Paredes e McLaughlin).

Le statistiche pongono subito una differenza tra i due ruoli : Layun è il miglior assistman del pacchetto con 13 passaggi decisivi, ma cosa più importante è la differenza tra gli assist per 90 min. degli esterni sinistri rispetto a quella dei destri: 0.34 e 0.21 contro 0.09. E’ una differenza quasi abissale e pone subito un accento sulla spregiudicatezza offensiva diversa dei due ruoli e compiti. Differenza accentuata anche dalle altre statistiche offensive come dribbling per partita (2.79 e 2.37 vs. 2.16 e 1.94) e soprattutto cross riusciti. Infatti il solo Layun ha completato quasi il doppio dei cross in più (92) dei due esterni destri messi insieme (50), ma senza avere un efficienza in cross riusciti/tentati nettamente migliore. Garbutt è in parte la nota stonata con solo il 10% dei cross completati, nonostante il valore di 18 in cross. A sua discolpa però vanno sottolineate le poche partite giocate che possono aver pregiudicato l’attendibilità della statistica. Anche nella distanza percorsa c’è una differenza di quasi un chilometro per fascia di competenza.

Resta da capire se la maggior efficienza offensiva ha compromesso il rendimento difensivo. Questo è più difficile da dire per Garbutt, mentre per Layun la risposta è no. Nessuno dei 4 eccelle nei Contrasti (13 per Layun, 12 per Paredes, McLaughlin e Garbutt) e tanto meno in Forza. Eppure Layun vince l’80% dei contrasti, superato dal solo McLaughlin non a caso, visto che il nord-irlandese ha il valore più alto in Forza 12. Conclusione confermata dai gol subiti dalla squadra/ per 90 min, seppur solo parzialmente. Infatti Layun ha un dato di 0.74, inferiore e quindi migliore rispetto a Paredes (0.84), ma peggiore e non di poco rispetto a McLaughlin che presenta una media di 0,55. Proprio i due migliori in questa statisica risultano i migliori per media voto ma per due motivi opposti: il messicano sinistro per l’apporto offensivo, l’omologo di destra per quello difensivo.

Riepilogo:

  • Layun è il miglior del pacchetto, come ci si poteva attendere viste le migliori qualità globali
  • La fascia sinistra è più decisiva in avanti rispetto alla destra, senza che la fase difensiva risulti compromessa. Utile quindi impostare come Esterno completo anche il fluidificante destro e confrontare l’efficacia col ruolo precedente.
Centrocampisti centrali
Centrocampisti centrali

cc1

cc

La coppia di centrocampo deve dare qualità e quantità alla causa, dovendo gestire il possesso palla nel cuore del campo, pur fornendo copertura alla difesa. Da loro mi aspetto alte percentuali di passaggi riusciti, assist e contrasti vinti.

Partendo dagli assist, come ci si poteva attendere, una differenza tra quelli forniti dai registi (Murray,Powell e Tozser) rispetto al Centrocampista centrale-difendere. La miglior ratio è quella di Tozser in quanto il suo bottino è aumentato dagli assist su calci piazzati, visto che era l’incaricato delle nostre palle ferme. Murray è il miglior realizzatore del reparto, con i suoi 3 gol propiziati dalla mossa preferita “va avanti appena possibile”

Mi aspettavo percentuali superiori all’80% e direi che posso ritenermi, in linea generale, soddisfatto. Curiosamente il migliore è risultato Munari, il centrocampista con il valore minore in passaggi (14), che però ha tentato 10 passaggi in meno a partita, rispetto ai compagni. Tutti gli altri si assestano tra i 50 e i 55 passaggi completati a partita, risultato senza infamia e senza lode, visto che il gioco si sviluppa principalmente sulle fasce. Ancora una volta sono i tre registi le maggiori fonti di passaggi chiave, con Murray e Powell ad eccellere. Di conseguenza anche i gol segnati per partita, aumentano con la loro presenza in campo.

Murray è anche il più continuo nei contrasti, avendo il valore più alto nella specialità (14), seguito a ruota da Cataldi e Munari, rispettivamente secondo e terzo per Contrasti. Discorso opposto per Tozser e Powell che vincono molti meno contrasti dei loro compagni. Questo era facilmente intuibile, visto che Powell ha 10 in Contrasti e 10 in Forza, mentre Tozser 6 in Contrasti e 12 in Forza. Questo si ripercuote inevitabilmente sul filtro del centrocampo, ed è proprio l’ungherese il peggiore per gol subiti ogni 90 minuti.

La coppia di centrocampo è costruita in modo da avere un Regista mobile, ed un centrocampista più statico. Le istruzioni sono state ben eseguite sul campo, infatti tendenzialmente i registi percorrono più campo rispetto all’altro centrocampista.

Le medie voto meritano una riflessione. Il sistema di valutazione delle partite di FM ha una tendenza ormai acclarata a sottovalutare le prestazioni dei centrocampisti con mentalità difensiva. Infatti molto spesso i mediani, ma più in generale i centrocampisti con compiti di difendere, sono i membri della squadra con la media voto più bassa. Questo si ripercuote sui miei Centrocampisti centrali – difendere, che infatti risultano nettamente peggiori per media voto rispetto ai registi.

Riepilogo:

  • le principali coppie proposte sono ben assortite e si completano a vicenda
  • Munari non ha brillato in questa stagione, quindi difficilmente il suo prestito verrà rinnovato
  • Murray come ci si poteva attendere, essendo il più completo del pacchetto, eccelle in entrambe le fasi, dando sicurezza sia come creatore di gioco sia come centrocampista più statico
  • Tozser non è all’altezza dei compagni per i contrasti vinti e lascia il centrocampo scoperto. Non ha quindi caratteristiche funzionali al gioco della squadra, seppur risulti un’ottimo passatore.
  • il reparto è sovraffollato, visto che giocano solo in due alla volta, quindi Abdi che non ha quasi mai visto il campo è stato ceduto
Attaccanti esterni e centrali
Attaccanti esterni e centrali

att

Ho deciso di analizzare insieme tutto il mio tridente, senza distinzioni tra esterni e punte centrali, in quanto nessuno, tranne forse il solo Deeney, aveva un ruolo fisso. Infatti in base all’avversario e alle necessità ho cambiato spesso interpreti e posizioni in campo, con Vydra specialmente che ha giocato in tutti e tre i ruoli dell’attacco.

Deeney e Ighalo, schierati principalmente come Punta completa – supportare, dovevano nei miei piani segnare e/o fornire assist. Il capitano Deeney ha superato le attese dal punto di vista realizzativo, segnando 1.05 reti a partita, mentre Ighalo, pur con una media gol inferiore (ma Deeney era anche rigorista) ha fornito più assist. La spiegazione della maggiore propensione all’assist del nigeriano, è dovuta alla Fantasia. Ighalo ha un valore di 16, mentre Deeney di 9, differenza sufficiente a spiegare le statistiche emerse, visto che in Passaggi e Visione di gioco non ci sono differenze apprezzabili.

Era per me importante che i miei attaccanti esterni segnassero quasi come una punta, oltre a fornire gli assist che ci si aspettano da un’ala. Considerando i titolari posso ritenermi più che soddisfatto visto che Thauvin ha segnato 17 gol e fornito 8 assist, mentre Vydra ha timbrato 20 volte il cartellino oltre ad avere assistito per ben 16 volte i compagni., con una ratio di quasi un assist ogni due partite.

La varietà di opzione offensive del tridente, è confermata dai passaggi chiave, che non hanno una zona di provenienza dominante, così come i passaggi completati sono per tutti intorno all’80%, valori ottimi per dei terminali offensivi. Forestieri ha in media effettuato più passaggi degli altri, in quanto nel mio modulo alternativo operava da trequartista centrale.

L’efficienza è davvero alta con i titolari Thauvin-Deeney-Vydra, che prendono la porta nel 60% dei tentativi di tiro. Il francese essendo il più tecnicamente dotato, è di gran lunga il miglior dribblatore come era lecito aspettarsi dagli attributi, oltre che il migliore per media voto.

Riepilogo:

  • il reparto è efficiente e bilanciato e i dati non hanno evidenziato punti deboli particolari
  • Forestieri non si esprime al meglio nel ruolo di esterno, quindi sarebbe più funzionale un esterno puro
  • un attaccante più creativo amplia la gamma di soluzioni a disposizione, seppur la squadra segni allo stesso ritmo anche con un centravanti meno orientato al passaggio

Credo di aver fornito un’esempio dettagliato di come usare ed analizzare le statistiche avanzate che FM fornisce. Come avete potuto leggere, grazie a questi dati ho avuti riscontri sul mio modulo, sui vari ruoli impiegati e sui rispettivi interpreti che mi hanno dato spunti sia per riconoscere punti di forza e debolezza della squadra, eventuali modifiche tattiche e quali tipologie di calciatori richiedere al mercato.

Se avete le idee chiare sul vostro gioco, non vi resta che analizzare le statistiche adeguate e valutare approfonditamente la performance della vostra rosa.

FF

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...