Il 4-3-3 del mio Watford sotto la lente d’ingrandimento

L’obiettivo di questo post è di descrivere nel dettaglio il 4-3-3 che mi ha portato a vincere la Champions League con il Watford, alla terza stagione dall’inizio della carriera. Possiamo dire che in un certo senso il 4-3-3 è figlio e fratello del 3-4-3 utilizzato nelle prime due stagioni, visto che in parte è una sua derivazione, oltre ad esserne un modulo complementare. Il calcio moderno  richiede flessibilità tattica anche alle squadre top (3-5-2 e 4-3-1-2 per la Juventus di Allegri, 4-1-4-1 e 3-4-3 per il Bayern di Guardiola per fare due esempi), così anche il mio Watford ha aggiunto una freccia al suo arco. Freccia che come vi ho raccontato è poi diventata quella principale, con il 4-3-3 diventato il cardine dell’impennata dei risultati nella seconda parte del 2016/17.

4-3-3

Continua a leggere

Dal campo a FM : scopriamo…l’Esterno Invertito

Come sapete curo una rubrica su FM.it, sito e forum di cui sono anche da pochi giorni moderatore. Ripropongo l’ultima uscita, che potete leggere e commentare anche qui.

Oggi andremo ad analizzare un ruolo che ha fatto il suo esordio in FM15: l’Esterno Invertito. Il termine può sicuramente creare confusione, sia a livello letterale, sia per le varie interpretazioni che vari tecnici hanno recentemente proposto. Ecco perché occorre fare una piccola premessa.

La progressiva scomparsa del ruolo dell’ala pura nel calcio moderno, ha visto il diffondersi della tendenza per cui, invece di schierare un giocatore di piede destro sulla fascia destra (e viceversa), diversi allenatori hanno cominciato a mettere in campo giocatori a piedi invertiti, in grado di rientrare sul piede preferito per scaricare il tiro o tentare una palla filtrante. E’ quindi apparsa tutta una schiera di attaccanti esterni, ruolo in cui si sono dilettati, prima di trovare una collocazione più centrale, anche Cristiano Ronaldo (a sinistra) e Lionel Messi (sulla destra). Per descrivere questa nuova moda tecnico-tattica, fra gli addetti ai lavori e gli opinionisti si è iniziato a parlare di esterno invertito, proprio per sottolineare l’importante differenza di interpretazione del ruolo di esterno d’attacco, comportata dal cambio di fascia.

Ma non sarà questo ruolo l’argomento dell’articolo: per definire meglio il ruolo da dettagliare, ci viene in soccorso il nome inglese del ruolo presente anche in FM: “Inverted Wingback”. Quindi, l’Esterno Invertito di cui tratterò, gioca come terzino, al massimo come fluidificante, ma non come esterno d’attacco.

Continua a leggere

Cambia la tattica e la stagione cambia volto

La prima parte della stagione non era stata eccezionale, non c’è dubbio, ma nemmeno un fallimento, visto che eravamo agli ottavi di Champions, in semifinale di Capital One Cup e settimi in campionato, ma non così lontani dalla zona Champions, distante una manciata di punti. C’era bisogno però di imprimere una svolta decisa, che permettesse alla nostra stagione di spiccare definitivamente il volo come era successo anche l’anno scorso. Finalmente avevamo abbastanza giocatori a disposizione per schierare regolarmente il 4-3-3 che pianificavo da inizio stagione. Inoltre il mercato invernale ha rimescolato leggermente le carte, visto che il Bayern Monaco ha presentato una di quelle offerte veramente irrinunciabili per Thauvin, un giocatore che è stato importantissimo in questi due anni e mezzo.

L'offerta indecente proposta dal DS del Bayern Sammer
L’offerta indecente proposta dal DS del Bayern Sammer

Continua a leggere

Volti nuovi a nord di Londra e prima parte della stagione 2016/2017

A causa di una serie di impegni, universitari e non, l’aggiornamento della mia carriera, sia dal punto di vista del blog, sia da quello puramente ludico, si era arenato negli ultimi tempi. Fortunatamente in questi giorni ho avuto più tempo e sono riuscito finalmente a cliccare “Continua” nella mia avventura con i Golden Boys del Watford. Sono quasi al termine della stagione, ma ritengo comunque più funzionale raccontarla in due parti, così come ho fatto finora.

Ci eravamo lasciati con un tris di coppe ed un 7° posto in campionato, che non ci aveva precluso l’opportunità dell’Europa che conta, visto che il trionfo in Europa League ci aveva regalato l’accesso diretto ai gironi della Champions League 2016/2017.

Continua a leggere