Il “Septuple” del Watford

Dopo vari impegni della vita reale che mi hanno visto accantonare Football Manager per qualche settimana, ho finalmente ripreso la mia carriera con il Watford. Dopo aver mancato il titolo della Premier all’ultimo respiro nella scorsa stagione, l’obiettivo dichiarato era quello di conquistare finalmente il campionato, unico titolo che mancava alla mia bacheca. Di conseguenza mi sono trovato più che d’accordo con gli obiettivi fissati dalla dirigenza, supportato anche dai pronostici che per la prima volta ci danno come favoriti al titolo.

pl

Continua a leggere

Una stagione tutta d’un fiato

Dopo i due precedenti articoli riguardanti argomenti prettamente tattici, sia riguardanti il 4-3-3 del mio Watford, sia l’analisi tattica di una partita “reale” (la semifinale di Champions Juventus – Real Madrid) torno a raccontarvi la mia carriera al Watford.

Prima di andare a vedere come è andata due precisazioni.

– Vedrete screenshots salvati da skin anche molto diverse da loro, per il semplice motivo che avevo voglia di cambiare la skin di default (seppur sia quello che finisco sempre ad usare), sia per avere un pò di novità in game, sia per beneficiare delle varie skin che permettono di visualizzare i ruoli in campo nelle tattiche avversarie.

– Diversamente dal solito racconterò questa stagione in unico post, sia perché l’ho giocata nella sua interezza senza trovare un momento per scrivere dei primi sei mesi, sia perché siamo arrivati al 2017/18, stagione che si concluderà con i mondiali in Russia, a cui sarà dedicato un post a parte.

Continua a leggere

Il 4-3-3 del mio Watford sotto la lente d’ingrandimento

L’obiettivo di questo post è di descrivere nel dettaglio il 4-3-3 che mi ha portato a vincere la Champions League con il Watford, alla terza stagione dall’inizio della carriera. Possiamo dire che in un certo senso il 4-3-3 è figlio e fratello del 3-4-3 utilizzato nelle prime due stagioni, visto che in parte è una sua derivazione, oltre ad esserne un modulo complementare. Il calcio moderno  richiede flessibilità tattica anche alle squadre top (3-5-2 e 4-3-1-2 per la Juventus di Allegri, 4-1-4-1 e 3-4-3 per il Bayern di Guardiola per fare due esempi), così anche il mio Watford ha aggiunto una freccia al suo arco. Freccia che come vi ho raccontato è poi diventata quella principale, con il 4-3-3 diventato il cardine dell’impennata dei risultati nella seconda parte del 2016/17.

4-3-3

Continua a leggere

Cambia la tattica e la stagione cambia volto

La prima parte della stagione non era stata eccezionale, non c’è dubbio, ma nemmeno un fallimento, visto che eravamo agli ottavi di Champions, in semifinale di Capital One Cup e settimi in campionato, ma non così lontani dalla zona Champions, distante una manciata di punti. C’era bisogno però di imprimere una svolta decisa, che permettesse alla nostra stagione di spiccare definitivamente il volo come era successo anche l’anno scorso. Finalmente avevamo abbastanza giocatori a disposizione per schierare regolarmente il 4-3-3 che pianificavo da inizio stagione. Inoltre il mercato invernale ha rimescolato leggermente le carte, visto che il Bayern Monaco ha presentato una di quelle offerte veramente irrinunciabili per Thauvin, un giocatore che è stato importantissimo in questi due anni e mezzo.

L'offerta indecente proposta dal DS del Bayern Sammer
L’offerta indecente proposta dal DS del Bayern Sammer

Continua a leggere

Volti nuovi a nord di Londra e prima parte della stagione 2016/2017

A causa di una serie di impegni, universitari e non, l’aggiornamento della mia carriera, sia dal punto di vista del blog, sia da quello puramente ludico, si era arenato negli ultimi tempi. Fortunatamente in questi giorni ho avuto più tempo e sono riuscito finalmente a cliccare “Continua” nella mia avventura con i Golden Boys del Watford. Sono quasi al termine della stagione, ma ritengo comunque più funzionale raccontarla in due parti, così come ho fatto finora.

Ci eravamo lasciati con un tris di coppe ed un 7° posto in campionato, che non ci aveva precluso l’opportunità dell’Europa che conta, visto che il trionfo in Europa League ci aveva regalato l’accesso diretto ai gironi della Champions League 2016/2017.

Continua a leggere

Watford Re di coppe

redicoppe

Dopo un finale di anno che ci vedeva in corsa in tutte le competizioni e ai piani alti della Premier League, non sentivo la necessità di ritoccare la rosa a gennaio. Sono dell’idea che intervenire nella sessione invernale sia utile a sostituire i partenti o a sfruttare qualche occasione ghiotta, ma difficilmente può cambiare rotta ad una stagione già in corsa. L’unico movimento degno di nota è un prestito, quello del bulgaro Simeon Slavchev arrivato dallo Sporting Lisbona per 125mila € di onerosità e con un riscatto fissato a 2,4M.

Continua a leggere